ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Il grazie di Sophia a Edc

All’Istituto Universitario Sophia vengono destinati ogni anno una buona parte degli utili delle aziende destinate alla “formazione di uomini nuovi” (circa 200.000 euro)

Il grazie di Sophia a Edc

E’ del 15 giugno 2010 la lettera di ringraziamento che il preside dell’Istituto Universitario Sophia, Piero Coda,  ha rivolto per tramite della Piero_Coda_03Commissione Internazionale, a tutti gli attori del progetto Edc.

Scrive Piero Coda: “Mentre si sta ormai concludendo il secondo anno di vita accademica dell’Istituto Universitario Sophia, la sincera gratitudine mi spinge a rivolgere un sentitissimo grazie ai membri della Commissione Internazionale e a tutti dell’EdC per il decisivo contributo offerto alla nascita e all’avvio del nostro cammino. Lo faccio a nome dell’intera comunità accademica: docenti, staff e studenti. L’ingente somma da voi stanziata a nostro favore a partire dal 2007 (anno di erezione dell’Istituto), 600.000 €, ha costituito l’introito base che, congiunto a un finanziamento iniziale del Movimento dei Focolari e a un consistente contributo di libere elargizioni, ha permesso di far fronte alle rilevanti spese di allestimento dei locali e degli strumenti essenziali per l’esercizio della vita accademica nel suo complesso (aule, biblioteca, uffici, residenze degli studenti, ecc.).

 

La gran maggioranza dei nostri studenti, inoltre, provenendo dall’America Latina, dall’Africa e dall’Asia, non può contare su di un’adeguata copertura finanziaria per i propri studi, oltre che per il vitto e per l’alloggio. Una parte del vostro contributo è stata pertanto destinata all’erogazione delle necessarie borse di studio a loro beneficio.

 

Ciò ha reso possibile la frequenza dei nostri corsi da parte di circa 70 studenti, provenienti da 27 diversi Paesi e da 25 differenti percorsi disciplinari. Una trentina tra essi, al termine di questo secondo anno di frequenza, acquisirà la laurea magistrale in “Fondamenti e prospettive di una cultura dell’unità” nei rispettivi indirizzi filosofico-teologico ed economico-politico, e potrà tornare nei Paesi di origine con un prezioso bagaglio di qualificazione scientifica e di esperienza ed ispirazione esistenziale.

La sinergia che in questo modo si è venuta a concretizzare tra l’EdC – che, tra l’altro, costituisce un peculiare campo di ricerca e di eccellenza nel mosaico di studi da noi proposto – e lo IUS ci sembra camminare nella direzione di quella reciproca integrazione tra le nostre esperienze che leggiamo nell’idea progettuale su di esse che si è sprigionata dall’intuizione carismatica di Chiara Lubich. Vi ringraziamo, dunque, vivamente, del vostro sostegno e della vostra amicizia, che sono per noi stimolo e incoraggiamento ad assumere e promuovere con efficacia e lungimiranza quel progetto universitario che – com’ebbe occasione di scrivere Stefano Zamagni a Chiara Lubich nel 2005 – può e deve diventare un pilastro importante nella costruzione di quella civiltà dell’amore, che la profezia dell’EdC è impegnata a incarnare nel suo specifico ambito di competenza.

 

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it